fbpx
Loader
 

Bio Medical Report – Media, social e pandemia. L’informazione al tempo dell’emergenza

Bio Medical Report – Media, social e pandemia. L’informazione al tempo dell’emergenza

Puntata 29 – 11 giugno
Media, social e pandemia. L’informazione al tempo dell’emergenza

Un caso per tutti, l’ultimo in ordine di tempo: , cantautore di 28 anni stroncato da una emorragia cerebrale.
La famiglia, pur nello sconforto più totale e più straziante, si ostina a ripetere che NO… Michel è deceduto non per i postumi del vaccino, ma per gli esiti di una leucemia mieloide acuta, una malattia fulminante che, pure nei giorni precedenti il decesso, aveva dato qualche segno forse non correttamente interpretato o addirittura ignorato.

Troppo tardi! Il tam tam mediatico aveva già fagocitato l’evento che, in altri tempi, sarebbe riesploso magari attraverso il canale ultracollaudato della “malasanità”, e che oggi diventa, invece, macabro strumento social del complottismo. E a nulla servono gli accorati proclami dei familiari dello sfortunato ragazzo. “Michele non è stato in nessun modo vaccinato contro il Covid… Smettiamo categoricamente quanto alcuni disinformati sui social“. Tutto inutile. La verità diventa quella che fa comodo all’opinione pubblica più mediaticamente organizzata e agguerrita.

 

Possono partire da qui, ingigantiti da quest’ultimo episodio tristissimo ma emblematico, una serie di considerazioni e di interrogativi che abbiamo sviluppato in questa puntata di Bio Medical Report, nella quale abbiamo provato ad analizzare il senso e gli effetti di un sovraffollamento comunicativo costruito talvolta su meteore fantasiose perché spesso non verificate, se non addirittura inventate.

Questo è stato il tema portante di questa puntata di Bio Medical Report. Le domande alle quali abbiamo fornito risposte circostanziate sono state tante ed intriganti:

    • Nel corso della pandemia, media e social network sono stati utili alla popolazione aiutandola a comprendere l’emergenza sanitaria e sociale e le corrette misure preventive e protettive?
    • O, invece, sono stati inutili o, addirittura, colpevoli di generare ansia, allarme sociale, distonie, contrapposizioni faziose, tifoserie talvolta ottuse ed accanite, visioni distorte della realtà?
    •  E in che misura questi messaggi possono aver prodotto orientamenti e comportamenti vantaggiosi oppure nocivi sulle persone singole o sull’intera comunità?

 

Relatore:
Mauro Minelli – prof. Straordinario di Igiene Generale e Applicata e Referente per il SUD-Italia della Fondazione Medicina Personalizzata

Ospiti:
Paolo Graldi – Giornalista e opinionista; già Direttore del Mattino di Napoli e del Messaggero di Roma
Alessio Lasta – Giornalista e inviato di “Piazzapulita” – LA7. Primo reporter italiano ad entrare con le telecamere in una intensiva Covid nel marzo 2020
Luigi Spedicato – Docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi – Università del Salento

Conduttore:
Marco Renna – giornalista

L’iniziativa è svolta sotto l’egida della FMP Fondazione Medicina Personalizzata – Media partner ADNKronos



Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili